UA-60450045-1

Bollo sponsor Cai 2

 

  27 ottobre  

  Omegna-Orta

 

Dal 01 Gennaio 2019 il Rifugio Onelio Amprimo di nostra proprietà e sapientemente gestito per ben 22 anni
dal @libero.it

  Programma Gite 2019

  Concorso Fotografico ISZ

      - Locandina

      - Regolamento

      

 

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
8
9
10
11
12
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
Data : 27/10/2019
28
29
30
31

Tra le rocce del Roero

Categoria
Escursioni
Data
13/10/2019 00:00
File Allegato

13 ottobre 2019

TRA LE ROCCHE DEL ROERO

Roero e Langhe, essendo confinanti, sono spesso accomunate. In realtà il loro suolo è molto diverso. Nelle Langhe prevale la marna, mentre nel Roero l'arenaria. Questo agisce sulla conformazione del terreno. I pendii delle colline langarole sono più dolci, mentre quelle del Roero sono più scoscese e selvagge e sono caratterizzate dalle Rocche, un fenomeno di erosione provocato dalla escavazione dell'acqua che ha dato luogo a forre e calanchi.

L'itinerario proposto percorre due sentieri (il sentiero del Gioco e il sentiero della Castagna Granda ) che collegano due dei più bei borghi del territorio, Santo Stefano Roero e Monteu. Sono molto panoramici e vari. Inoltre sono facilmente percorribili in quanto ottimamente segnalati.

Accesso stradale: Santo Stefano Roero (m. 350) si raggiunge uscendo dall'autostrada Torino – Savona a Carmagnola passando da Sommariva del Bosco. Il pullman ci lascerà in un ampio parcheggio prima della piazza della chiesa parrocchiale. Non sono previste soste lungo il percorso.

Descrizione itinerario: Dal parcheggio si prende per un brevissimo tratto la strada provinciale verso Pralormo per svoltare quindi a destra (cartello segnaletico Sentiero del gioco – il nome dato si riferisce ai giochi tradizionali dei bambini che si svolgevano nella vasta piazza della chiesa parrocchiale del paese. Dei pannelli informativi lungo il percorso descrivono gli antichi giochi) e iniziare a salire su una stretta stradina che presto diventa sterrata, costeggiando le rocche, con vista impressionante sulla voragine sottostante e sul centro storico di Santo Stefano. A un bivio ci si tiene sulla sinistra per raggiungere il crinale del Bric Bissoca (m. 405), punto più alto dell'itinerario, con serre di fragole e un imponente acquedotto di forma cilindrica. Si gira decisamente a destra, un tratto pianeggiante, quindi di nuovo a destra, abbandonando la stradina e scendendo decisamente nel bosco (segnalazioni sempre presenti). Si perviene ad un colletto con vista splendida sulle rocche. Si risale sempre nel bosco per arrivare a un tratto pianeggiante che costeggia una recinzione. Si esce dal bosco e si arriva a un crinale che, svoltando a sinistra, sale a una delle cappelle immerse nel bosco, all'interno delle quali statue a grandezza naturale raffigurano le diverse scene della Via Crucis (Monte Calvario - h. 0.45 dalla partenza – fontana – vasto panorama) . Queste cappelle fanno capo al sottostante Santuario dei Piloni, detto anche Sacro Monte di Montà d'Alba, raggiungibile con una breve digressione in discesa su stradina in parte asfaltata in meno di dieci minuti, dove è posta un'area pic-nic attrezzata ideale per il pranzo al sacco. Chi ha effettuato questa deviazione deve tornare sui propri passi sul Sentiero del Gioco, che prosegue in discesa con un tratto acciottolato costeggiando alcune cappelle della Via Crucis. Una breve deviazione sulla sinistra ci permette di arrivare sul poggio su cui è collocata la Cappella del Santo Sepolcro, con bella vista sul paese di Montà. Ritornati sui propri passi si scende ripidamente sul sentiero scavato nel terreno argilloso fino ad un terreno coltivato a vite. Ci si tiene a sinistra della vigna per scendere nel bosco sempre ripidamente e raggiungere l'umido fondovalle della Val Diana, con piante di equiseti (piante erbacee tra le più antiche della terra comunemente chiamate code di cavallo) – h. 0,30 – m. 245. Si risale nel bosco e dopo un tratto ripido si esce fra i vigneti fino a raggiungere delle case e una strada asfaltata sul crinale. Si svolta decisamente a destra e, sempre proseguendo diritti, dapprima in piano e poi in salita si arriva a costeggiare le rocche. All'ingresso del centro storico di Santo Stefano Roero si abbandona la strada principale per arrancare su una ripida stradina che perviene alla parrocchia e alla vasta piazza acciottolata del paese (h. 0.45 dal fondo della Val Diana).

Si attraversa la piazza in direzione ovest e si giunge sulla provinciale diretta a Pralormo; la si percorre per circa 700 metri per svoltare quindi a sinistra (pannello segnaletico per Monteu) su una stradina asfaltata che giunge alle Case Caretta. Qui si scende per una pista sterrata in direzione sud fino ad una valletta. Si ignora il sentiero che sale per prendere quello pianeggiante di destra che percorre la valletta e porta ad un'imponente radura di castagni secolari, dove primeggia la “castagna granda”. Trattasi di un vero e proprio monumento vegetale, fra i più vecchi della regione Piemonte. Si stima infatti che abbia un'età intorno ai 400 anni.

Si prosegue sull'ampio sentiero ben segnalato che sale alla borgata Avaj e quindi ai ruderi della Cascina Belis, dove un pannello informativo ricorda che verso la metà del 1800 avvenne un efferato omicidio. Si segue quindi una stradina asfaltata che costeggia le Rocche per scendere sulla strada provinciale che in breve ci porta nella piazza principale di Monteu Roero (h. 1.40 da Santo Stefano Roero).

Qui ci attende la merenda sinoira.

Dislivello: m. 400 ca.

Difficoltà: E (escursionistico - stradine e sentieri da affrontare comunque con calzature con suola vibram)

Tempo complessivo: 3.40 - 4 h. - distanza ca. 11 Km.

Costo pullman: Soci: Euro 10; Giovani: Euro 5; Non soci: Euro 19

Partenza:        Bussoleno (Piazza del Mercato) ore 9.00

S.Antonino (Posta) ore 9.10

Chiusa San Michele (ex Bowling) ore 9.20

Avigliana (Elisé) ore 9.30

Rivoli (Auchan) ore 9.40

Responsabili: Martoglio Alessandro – Osvaldo Segontino (per prenotazioni – tel. 3421401220 – precisare eventuali allergie alimentari)

Menu merenda sinoira: Presso Trattoria della Rocca – Monteu Roero – Costo Euro 25

Il menu comprende:

-Battuta di carne cruda di vitello

- Insalatina di sedano con toma e pere

-Peperoni al forno con acciughe

-Tacchino in agrodolce

- Tajarin al ragù

-Torta di frutta e bunet

Caffé e vino compresi.

 
 

Altre date

  • 13/10/2019 00:00

Powered by iCagenda

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.