UA-60450045-1

   Film 100 Anni UGET  

     Film  FUGERA    

 Cartolina Fugera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAI Sede

 

 

 

Lo scarpone

 

 

 

Valsusa turismo

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
10
11
12
13
14
15
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Combe321 maggio 2024
Pulizia sentieri
Toglie-Combe-Giordani

Visualizza album fotografico

In questa guerra continua contro la natura, che inesorabilmente tende a riappropriarsi degli spazi che con duro e centenario lavoro l’uomo le ha conteso, oggi abbiamo segnato un nuovo effimero punto, liberando da alberi caduti, il sentiero che da poco prima dell’Alpe Toglie collega Borgata Comba (e poi il Rifugio Amprimo) e il sentiero che da Borgata Comba scende alle frazioni Cugno e poi ai Giordani.Combe1

La neve primaverile, tanta e pesante, ha fatto strage di rami e alberi. C’è chi dice che una volta non capitavano questi disastri e che la colpa va ricercata nel cambiamento climatico.

Sarà... certamente però “una volta” le montagne erano abitate, custodite a anche sfruttate. Difficilmente la foresta sarebbe cresciuta in modo così caotico, con un accavallarsi di alberi di tipologia diversa, tutti che si allungano a dismisura verso il cielo nella competizione per trovare un po’ di luce.
Ma torniamo alla nostra giornata.

All’appuntamento, alla sede CAI alle 7,30, lanciato dal President Osvaldo rispondiamo in 10 (più 4 cani), tutti agguerriti con motoseghe, palanchino, piccone e rastrelli.

In auto saliamo alle Toglie dove iniziamo la giornata “ecologica”. Sul sentiero dovrà passare, il 9 giugno, la gita in MTB organizzata dall’Intersezionale in occasione del raduno al rifugio Amprimo e così dedichiamo un occhio di riguardo ai nostri amici ciclisti, spostando pietre e rastrellando il fondo del sentiero pieno di rametti arbusti e foglie.

Combe2Nella discesa poco sopra la Comba troviamo il primo vero disastro con numerosi larici e faggi abbattuti dalla neve e incrociati in modo caotico sul sentiero. Lungo lavoro di motosega e di rimozione dei tronchi dal tracciato. Peccato che sia impossibile trascinare a valle il tutto perché ci sarebbe legna da ardere per anni.

Inizia la discesa e dopo breve spostamento si ripresenta lo stesso scenario di prima, poi, fortunatamente, le cose migliorano e fino ai Giordani il sentiero è relativamente in buono stato, anche se le pietre umide e muschiate ci regalano qualche scivolone con tanto di fondoschiena a terra.

Anche oggi abbiamo fatto un po’ di “ginnatica” ai muscoli degli arti; domani sera, in sede, tutto il gruppo pulizia sentieri si trova per cenare insieme, gustando la Paella che gentilmente Enrico ci preparerà... Finalmente useremo i muscoli “addominali”...

Alla prossima.

Claudio Blandino

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.