UA-60450045-1

 ATTENZIONE: il bivacco Orsiera  

 è aperto in modo continuativo    

 dal 15 giugno al 15 settembre      

 Negli altri mesi bisogna ritirare  

 la chiave presso la sede CAI          

 o il Ristorante delle Alpi ai            

 Giordani (Mattie)                            

 lasciando i propri dati.                  

   PROGRAMMA GITE 2022  

   Presentazione rif. Amprimo  

   Film Gestire un rifugio                

    TESSERAMENTO 2022   

    Venerdì 19 e 26 agosto la sede è CHIUSA    

Calca8 maggio 2022

Uia di Calcante

Questa gita, causa il meteo poco favorevole, ha avuto successo grazie a un gruppetto di 20 Soci impavidi e sprezzanti del cattivo tempo.

Partiamo da Bussoleno con cielo coperto, arriviamo a Fubina in val di Viù, località di partenza, inizia a piovigginare, che fare? Proviamoci, poi al limite se peggiora si ritorna sui propri passi. Chi con la mantella chi con l’ombrello ci incamminiamo sperando in un miglioramento, stando alle previsioni in tarda mattinata dovrebbe esserci una apertura.

Calcante 11Saliamo per la bella mulattiera fino al grande traverso lastricato, ogni tanto si aprono un pò le nebbie e lasciano intravvedere il versante est della Valle di Viù con le sue piccole Borgate sospese nel verde. La previsione era sbagliata, la pioggerella ci accompagnerà fino al colle Cialmetta, dove per fortuna, le arcate della chiesetta di San Michele ci riparano e ci permettono di fare uno spuntino all’asciutto. Luogo di grandi feste degli Alpini, difatti sotto al portico ci sono anche i tavoli, manca solo la polenta.

La pioggerella continua imperterrita, non ci resta che rinunciare alla cima, ci sono ancora 300m su una traccia di sentiero che si arrampica ripido su roccette esposte, con le pietre bagnate è poco sicuro, non vogliamo metterci nei guai. Avvisiamo l’autista del pullman di aspettarci a Viù, ci incamminiamo per il sentiero che scende verso il paese, così evitiamo il percorso della salita.

Calcante 12Nella discesa bisogna fare molta attenzione, è molto scivoloso causa le pietre bagnate, qualcuno di noi l’ha sperimentato, per fortuna senza danni. Arriviamo a Viù, il cielo si è aperto e c’è anche un pò di sole, ne approfittiamo per fare la foto di rito del gruppo e ci dirigiamo al bar per un buon caffè.

Non ci resta che dirigerci al parcheggio dove il pullman ci sta aspettando, ci mangiamo ancora una fetta di crostata offerta da Sissi e si ritorna. Nonostante l’umidità tutti sono soddisfatti anche senza la cima.

Osvaldo Plano

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.