UA-60450045-1

Eventi

piedibus7 luglio 2019

Lago Crachet

Potremmo fare un film ed intitolarlo "la maledizione del Lago Crechet"; ormai siamo al terzo tentativo in 4 anni ed ancora non siamo riusciti ad andare. Questa volta ci si è messo di mezzo il pullman di Bellando.

Partenza regolare, pausa a Salbertrand per controllare l'acqua del radiatore perchè una malefica spia rossa fa presagire il peggio....

Lentamente arriviamo a Claviere ma niente da fare, il pullman perde acqua lungo la strada. Sosta forzata e, vista l'impossibilità di arrivare a destinazione, l'organizzatore Osvaldo apre una democratica consultazione su "cosa fare".

Tentare la fortuna e scendere nel Briançonnese, fare un'escursione sui monti di Claviere, scendere e fare una gita in Alta Valle, rientrare a Bussoleno e fare un'escursione sulle nostre montagne; tutte idee valide con accaniti sostenitori. Ha prevalso il buon senso e soprattutto la considerazione che se si rientra la gita viene annullata e il pullman non si paga. Quello che non potè la "democrazia" lo fece il "vile danaro".

Da gita organizzata siamo così passati in modalità "fai da te"; da escursione con pullman si è passati al "piedibus".

Fino ad ora sono riuscito a ricostruire parzialmente (e spero correttamente) i movimenti dei nostri 52 naufraghi.

Tre scendono a Cesana di cui uno sale a Borgata Thures e altri due in auto vanno al Lago Crachet.

Quattro scendono a Oulx e salgono al Forte di Pramand.

I bussolenesi si divido in due gruppi: in 12  al Rifugio Toesca mentre 11 raggiungono il Bivacco Orsiera.

Per quelli della Bassa Valle non ho notizie certe ma si parlava di andare a funghi, Colle Braida, ecc....

Ultima considerazione. Ultimamente la ditta Bellando Tour sta perdendo colpi.... Ma tranquilli, le prossime tre gita saranno con mezzi propri. Controllate l'auto prima di partire, non si sa mai.....

Claudio Blandino

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.