UA-60450045-1

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
20
21
22
23
25
26
27
28
30

Voltri129 gennaio 2017

Voltri

Monte Pennone

Purtroppo i malanni di stagione hanno decimato gli iscritti alla gita e domenica mattina ci ritroviamo in soli 47 alla partenza, a noi si uniranno a Voltri i due soci dalla Francia ed i soliti quattro soci monferrini provenienti da Castagnole M.to.

Dopo la consueta sosta all’autogrill ci ritroviamo tutti al casello di Voltri e quindi il pullman ci scarica sul piazzale antistante il ponte sul torrente Cerusa. A lato del ponte parte la stradina segnalata con una X rossa che trasformandosi ben presto in ripide scalinate ci porta sopra l’abitato di Crevari, da qui inizia il sentiero, nel complesso sempre agevole, che ci porterà alle pendici del Monte Pennone.

Dopo un paio di ore di cammino il gruppo inizia a sfilacciarsi e alcuni più stanchi si fermano, li dotiamo di una radio così da mantenerci in contatto, li recupereremo al ritorno. Riprendiamo il cammino e in poco più di 45 minuti siamo al colle tra il Pennone la Tardia di Levante nei pressi della piccola costruzione (ex Dazio) attualmente usato come rifugio di fortuna. Siamo sul lato in ombra e il sentiero per portarci ai piedi della vetta è piuttosto umido e scivoloso e richiede un po’ di attenzione, è comunque un tratto abbastanza breve e tutti lo percorriamo.

P1030559La vetta è a portata di mano, solo qualche passaggio richiede di mettere le mani sulla roccia, ma ne vale la pena perché il paesaggio che si gode da lassù abbraccia un’ampia parte della riviera sottostante da Arenzano fino ad oltre Genova, e la giornata limpida ci permette di goderne la vista. Il tempo di scattare qualche foto e ridiscendiamo il breve tratto ed assieme a quanti non erano saliti in punta ci concediamo la sosta pranzo; dopodiché dobbiamo decidere se ripercorrere in discesa il sentiero che all’andata aveva creato qualche difficoltà in quanto umido e scivoloso, oppure aggirare con un percorso ad anello la base del Monte Pennone, percorso sicuramente al sole ma non provato e quindi un poco incerto.

Cartina alla mano decidiamo per la seconda soluzione che ben presto si rivela una scelta azzeccata, il sentiero è molto bello e panoramico, solo un pochino più lungo, e si ricongiunge con la via dell’andata lungo la quale ritroviamo quanti si erano fermati. Ricompattato il gruppo tutti assieme rientriamo su Voltri dove raggiungiamo il pullman, siamo un po’ in ritardo sull’ora prevista ma ne è valsa la pena data la bella giornata ed i bei panorami apprezzati, come prima gita della stagione possiamo essere soddisfatti.

Rientro a Bussoleno alle ore 20 circa.

 

Giorgio Ferraris